Translate-Traduci

giovedì 24 ottobre 2013

Ascensione vuol dire sofferenza, ma anche la fine della propria schiavitù!

Non potete combattere nè vincere il sistema con gli stessi mezzi con cui esso tiene in gabbia voi!
E' da ignoranti, infatti ignorate del tutto cosa davvero è necessario per ritrovare la libertà.
Quella esteriore ovviamente è solo un riflesso di quella interiore, quindi se volete perdere del tempo, continuate a credere che la felicità e la libertà arriveranno quando avrete un lavoro, denaro, una casa nuova e quando la vostra amata legge dell'attrazione avrà attirato tutti i capricci del vostro ego. Non funziona esattamente così. E' vero l'energia esiste e ci circonda costantemente ma non funziona come una schiava.
"Nulla è più facile che illudersi. Perché l'uomo crede vero ciò che desidera. "-Demostene-
Potete giocare a fare i maghetti ma è da stupidi voler attirare ciò che si vuole solo come sostituto di ciò che ci fa star male. Non voglio dire che dobbiate soffrire ma accettare ciò che vi accade, perché se vi accade l'avete attirato per comprendere qualcosa e se si ripete vuole dire che la lezione non è stata appresa pienamente. Spesso si ripetono copioni già visti, ma con personaggi diversi. Se riuscite anche per un solo istante a comprendere che la vera libertà è quella conquistata al vostro interno per liberare l'anima dalla prigionia emotiva dell'intero ciclo di vite e incarnazioni da voi vissute su questo pianeta all'interno di una trappola energetica, allora vedrete che ogni cosa andrà al posto assegnatole.
Non si tratta di avere, possedere o diventare per poter ESSERE ciò che già siamo.
I veri vincitori non sono coloro che non cadono mai, ma coloro i quali non mollano mai! Questo è il primo esperimento di ascensione con il corpo dopo tante volte che siamo già ascesi con il corpo astrale. Questa volta la posta in gioco è più alta, lo si fa con il corpo. Un giorno all'improvviso diventerete una MERKABA, un corpo di Luce... scomparirete sotto gli occhi di chi ancora non è pronto a lasciar andare il proprio dolore.
Cosa succederà a chi ancora non è pronto? Lo sa la loro anima. Probabilmente saranno sbalzati in altri ologrammi tridimensionali più semplici rispetto a questo ma non di certo meno difficili, perché diciamocelo, l'esperienza nella carne è tosta.
"Solve et coagula".
Il nostro DNA si scompone per ricomporsi in maniera cristallizzata ritornando agli albori lucenti di ciò che era, è e sarà. Stiamo ritornando CRISTALLO.
Ascendere con il corpo richiede qualcosa che difficilmente accettiamo: la SOFFERENZA!
La parte oscura non vuole mollare e pertanto la sofferenza aumenta in una sorta di lotta che è principalmente interiore. Abbiate pazienza!

«Le difficoltà stimolano il coraggio, nel coraggio si tempera la forza, con la forza s'impone la rotta al destino. Questo vuol dire vivere.» (Gustavo A. Rol)

Non si tratta di credere a ciò che ci da sicurezza ma a comprendere e mettere in pratica la via migliore per se stessi seguendo la voce silenziosa dell' intuito.. Esiste sia un lavoro pratico che uno psicologico interiore, ma l'uno non esclude l'altro..
Tutta questa ipocrisia verso se stessi, di gente che sbandiera abbracci e inni all'amore e al soddisfacimento di una falsa felicità, quando dentro non si accorgono di avere tempeste e fulmini! Il tutto ovviamente condito da Facebook...
Un vaffanculo sincero!
E chi pensa che io sia un bravo ed educato ragazzo si sbaglia.. Non cerco l'approvazione di una manciata di persone per vendere libri o apparire il maestro cazzuto di turno, i libri li scrivo e li vendo comunque non certo per conquistare un pubblico.
Guardatevi allo specchio e smettetela di prendervi per il culo tutti i giorni con frasi "Io farò, io sarò, io diventerò, i miei obiettivi blablablabananabanana".
Voi siete ora esattamente quello che dovete constatare e accettare anche se vi disgusta, con tutta la vostra vita appresso fosse anche la peggiore di tutte. Non occorre fingere a voi stessi ma nemmeno piangervi addosso. Dovete accettare ciò che è! Il chè non equivale alla rassegnazione ma alla presa di coscienza della vita e di voi stessi. Al livello successivo si passa quando davvero vi sarete accettati con tutto quello che vi circonda. L'esistenza vi darà la chiave di ogni porta che avrete la possibilità di aprire. 
Noi non vogliamo accettare che esistono forze che vanno al di là della nostra conoscenza.

Una persona mi disse:
"Il segno di uno spirito avanzato è la propria pazienza con la società e il far mostra di una straordinaria capacità di affrontare le difficoltà. L'anima avanzata irradia sangue freddo, gentilezza e comprensione nei confronti degli altri. Se l'anima avanzata, quindi antica, viene dalla 'linea guerriera' la gentilezza è spesso affiancata da una forte carica autoritaria, quindi passa in secondo piano perchè coperta di forza di carattere, azione e grande desiderio di risoluzione dei problemi; una sorta di durezza che però con l'abitudine a questa dimensione, con il tempo, si smussa e lascia spazio ad una mera imperturbabile gentilezza priva di compromessi. Va come dico io o va come dico Io, con il sorriso sulle labbra."

Proprio oggi ho ricevuto questo messaggio :
"Cerca un modo per trovare serenità ora e non pensare al passato o a ciò che sarà domani. Perchè domani sarà il risultato di come sei e stai oggi."

Sappiate accettare e trascendere senza resistere al dolore perchè raddoppierebbe le sue dosi. Va fuso nella vostro luce e si dissolverà.

«Ti si mostreranno davanti due vie.
Quella dell'illusione e quella della verità.
La prima può darti l'impressione che sia dritta e più bella solo perché adorna di campi sterminati di fiori.
La seconda ti si presenta soltanto con una porta la cui soglia dovrai varcare senza esitazione perché questa via si mostra solo a chi la cerca.
Ma ricorda, ci sarà il guardiano della soglia e lui saprà se cerchi la felicità illusoria e impermanente, non puoi ingannarlo perché quella via a cui lui ti darà accesso nulla ha a che fare con desideri ed emozioni umane che implorano la felicità.
Prima di oltrepassare quella porta dovrai accettare che l'unica cosa che ti verrà incontro, se non smetterai di cercarla, è soltanto la Verità. Ma se credi che sia priva di ostacoli allora non ti rimane che l'illusione.
A te la scelta»
(Dal nuovo libro del mio fratello in vita italo-americano, ancora  in fase di scrittura)

Molti hanno scelto la via più dura, quella di dover contare in tutto e per tutto su se stessi, senza il sostegno nè l'appoggio di qualcuno pronto a compensare i vuoti e le cadute. È la via più dura, ma anche quella che ti condurrà là dove non avresti mai immaginato.
Siamo sullo stesso corso d'acqua, e ognuno con la sua barca dovrà essere in grado di attraversarlo.
Ricordate, Non cercate segni nel cielo, ma ascoltate le indicazioni dentro di voi!

(TRATTO DAL NUOVO LIBRO)

Le Risposte che non ti aspetti, o forse sì... - Libro
Rivelazioni di un'Arturiana
€ 13

venerdì 23 agosto 2013

La schiavitù è nella nostra mente. I VAMPIRI ENERGETICI

Questo è un estratto del mio libro IL SOTTILE CONFINE DELLA REALTA'.
Il Sottile Confine della Realtà - Libro
Il Sottile Confine della Realtà - Libro

Il Sottile Confine della Realtà - Libro

Tu sei il centro dove tutto prende forma attraverso il gioco della creazione. Diario di riflessioni e intuizioni.













E' un argomento molto importante ma che genera molta confusione.

«Non è il nostro sangue che vogliono.. essi bramano la nostra energia. Questa energia è ciò che più serve all'anima e all'intero organismo per mantenersi vitale, attivo e propenso alla costruzione di un centro interiore.
Purtroppo non tutti sanno che, a livello sottile, in quello che si potrebbe definire il piano astrale, ci sono entità, che ognuno poi ha chiamato a modo suo (parassiti, voladores, ombre, eggregore, forme pensiero, alieni, arconti, satana, ecc..), i quali sono i veri responsabili di tutto questo meccanismo.
Vorrei tentare di far capire che i pensieri non sono del tutto partoriti da noi stessi. Questi furbacchioni che non si vedono, ma che sono presenti sul piano del basso astrale, pensano al posto nostro, ci inducono in maniera impercettibile a creare pensieri, e di conseguenza azioni, che fanno comodo a loro stessi perché capaci di produrre quell'energia di cui essi si nutrono: dolore, disperazione, rabbia, odio, paura, gelosia, vendetta, rancore, tristezza. Ed è in questo caso che la nostra mente diviene un loro strumento anziché il nostro. E dato che la mente vive di spazio-tempo, non è poi così difficile per queste presenze indurci a vivere sempre nel rimpianto/ricordo e nella preoccupazione/anticipazione / futuro tutto il tempo. Più siamo nel tempo, persi nella sua illusione, più regaliamo energia a loro. Senza di noi sono morti. Noi siamo come mucche da mungere. Dobbiamo prenderne coscienza, divenirne consapevoli ogni volta perché altrimenti saremo sempre costretti a ricreare quella realtà che spesso non è davvero voluta da noi ma da questi esseri. Questo è il tranello della trappola planetaria. Farci credere ciò che ci si vuole far credere fino a farci convincere che davvero deve essere così come vien detto dagli altri, dalla società o da un sistema quale questo nel quale viviamo. Un sistema costruito a pennello con religione, medicina, scienza, cultura impregnate di menzogne, di schiavitù mentale e di imprigionamento delle anime. Dobbiamo ritornare ad allineare Anima, mente e spirito con la forza del cuore. Non lasciarsi trascinare dall'ignoranza e da pensieri impuri quali paura, abbia e odio. Se ci sono bisogna saperli riconoscere e osservare soprattutto in presenza di coloro i quali ci istigano a farci diventare incazzati stimolando la guerra in noi anziché il confronto da vero monaco guerriero. Quindi anche l'odio verso quelle persone che crediamo ci danneggino non ha utilità se non nell'ingigantire quei parassiti (i veri vampiri) che sono nella loro testa e che sono attaccati a loro come zecche con zampe d'acciaio a causa della loro inconsapevolezza. Capisco che risulta difficile poter perdo- nare o evitare il confronto conflittuale con chi continua a perseguitarci o danneggiarci, ma è quello che abbiamo dentro che li nutre. Le nostre forme pensiero, il nostro pensare continuamente a loro in termini negativi tramite la stessa immaginazione negativa li sostiene a distanza così come dal vivo. Quindi evitate rancori, risentimenti e pensieri che vi portano inevitabilmente in uno stato vibratorio molto basso e denso dove è facile che il parassita, che spesso non è il vostro ma di coloro i quali non sanno minimamente della sua esistenza, si attacchi anche a voi per nutrirsi utilizzando proprio il suo mezzo: le persone che sono sempre pronti ad alzare la voce, a provocarvi, a minacciarvi, a dominarvi, a incutervi paure, sensi di colpa e fantasie strane. Non date loro da mangiare. Dovete spezzare le catene. Dovete partire da voi stessi per capire come poter far girare il mondo in maniera consapevole e controllata. Non serve accusare nemmeno i vampiri stessi, perché il nostro potere glielo abbiamo concesso noi senza esclusione di colpi. Dobbiamo riprendere il controllo della nostra Forza con coraggio e lasciare che gli altri guariscano da soli. Se proprio vogliamo far qualcosa dovremmo abbagliarli con l'unica cosa a cui i demoni sono restii.. la nostra immensa Luce. Nessuno partito preso. Né destra né sinistra, né bene né male, ma solo la centratura. Vivere in uno stato di presenza assoluta dove la mente dobbiamo utilizzarla solo per funzioni come il calcolo, la telepatia, la concentrazione e altri utilizzi tecnici. Mentre dobbiamo spegnerla nell'accezione di fermare il dialogo mentale che ci costringe a quei pensieri che ci fanno vivere nei rimpianti del passato e nelle preoccupazioni del futuro e nelle ansie della rabbia del tipo "adesso ti faccio vedere io, brutto bastardo, te la faccio pagare ecc.".
EQUILIBRIO e CENTRATURA.
Una vera conquista è comprendere che il vero nemico è la nostra stessa re-azione meccanica, animale. Il nemico esterno è illusorio, è stato creato per depotenziarci. I vampiri (o alieni che invadono il nostro piano mentale ed emotivo) sono solo un tranello per regalar loro la nostra energia. E la gente che ci vive attorno sono un loro strumento. Quindi, ripeto, cercate di evitare il pensiero dannoso dell'odio e della rabbia anche quando ci è stato fatto tanto male. 
Il reale nemico è il nostro sentirci offesi, arrabbiati e feriti, e non la persona in questione. 
(A tal proposito consiglio vivamente la visione del documentario LO SFIDANTE presente sul web gratuitamente o se vi va, la lettura del mio libro IL SOFFIO DELLA COSCIENZA per comprendere quella voce nella testa che crediamo sia la nostra, ma che in realtà è gestita dal parassita).»

giovedì 13 giugno 2013

Ed ora cosa faccio? Scegli di smettere di aver paura!

Prima o poi ci arriviamo tutti qui.. 
Fidarmi di me stesso, fidarmi dell'invisibile, fidarmi dell'energia dell'universo che vede e provvede? Fidarsi di chi?

Fidarsi della vita stessa che ti sta dando esattamente ciò che ti serve, ma soprattutto ciò che tu hai chiesto. Forse non sai quando o forse si. Forse non sai di preciso cosa o forse si. Forse non sai come o forse si.
Sta di fatto che ti trovi davanti ad un bivio perchè al bivio precedente avevi scelto di percorrere la strada che più sentivi in cuor tuo di intraprendere. Forse poteva essere la strada più difficile, ma difficile è solo un'idea basata sul concetto di ciò che è duale. Le cose sono quelle che sono. Prendile dall'alto cercando di non farti trascinare emotivamente come fa la "macchina" atta a vivere dominata da una mente predisposta a preservare se stessa, condannata, purtroppo, dalla paura della sopravvivenza, ossia attacco, premeditazione e difesa.
La paura è tutto ciò che domina, ora non più, chi ha dimenticato chi egli stesso è.
Ricordati chi sei. L'energia ha un nuovo corso, come se stesse sperimentando se stessa. Non aver timore di chiedere di fare una cosa semplicemente naturale per essa: SERVIRTI!
Chiedile di servirti ma non aspettarti una modalità preimpostata. Non ci sono regole se non quelle che scoprirai andando avanti.
Ci sono vari aspetti per te critici, come ad esempio quello economico che è forse uno degli ultimi tasti dolenti, oltre ai drammi personali/sentimentali, dove il sistema vuole e può attaccarsi per indebolirti e agganciarsi per cercare di depotenziarti.
Non c'è nulla di più succulento che tu possa offrirgli se non la tua paura. Hai capito bene.. "ti si chiede di abbandonare ogni se pur minima certezza". E' una prova come lo son state tante altre e come forse ce ne saranno ancora prima del grande salto.
C'è sempre qualcosaltro al di là di quello che stai lasciando. Qualcosa di nuovo ti aspetta e spesso il nuovo spaventa per il sol fatto che non lo si conosce ancora. Ecco perchè la morte spaventa gli esseri umani, semplicemente non sanno come possa essere. Vogliono sapere tutto prima per tranquillizzare una mente che vive di spazio-tempo.
Se siamo esseri immortali cosa ci può capitare? Rimanere senza soldi? Essere abbandonati? Morire?


Noi in ogni caso abbiamo scelto le esperienze/tappe principali del nostro cammino con le varie sotto tappe/scelte da compiere in base al nostro riconnetterci con noi stessi. Sappi farti guidare dall'intuito e sappi far silenzio per ascoltarti. 

venerdì 3 maggio 2013

Diffondi il sogno, diffondi la verità, sii come un faro!


Il sogno a cui non vuoi dar retta per paura di perdere le cose che credi di possedere, è invece la soluzione a tutti i falsi mali di questa dimensione. Il sogno di quel mondo magico al quale appartieni da sempre.
Devi solo ricordatelo e smettere di avere paura.
Occorre far comprendere gli inganni millenari a cui l'umanità è stata posta per motivi di dominio energetico,  occorre risvegliare gli animi e i cuori di chi vuol comprendere, senza però dare soluzioni definitive o verità assolute.
Occorre non mettere in scena allarmismi e paure inutili che servono solo a perpetuare questo stato ma infondere la dolcezza di quel sogno che vive ancora nel cuore dell'umanità, se pur nelle profondità più impercettibili. Questo pianeta è frutto del più grande esperimento di autoconoscenza e ritorno all'unità mai creato prima!
Chi sono io per dire queste cose? Nessuno, uno come voi che le sente vibrare dentro se stesso e vuole solo condividerle. C'è chi mi prenderà per pazzo, visionario, malato di mente, c'è chi mi accuserà di fare solo del marketing per vendere qualche libro, ma sinceramente, quello che pensate di me è solo un vostro problema perché ormai queste parole le avete lette. Ormai vi hanno raggiunto e se quella parte di voi, eterna e guerriera, vi ordina di cercare dentro voi stessi la verità perché una delle mie parole l'ha stimolata, beh, allora in bocca al lupo perché avrete davvero un bel lavoro da fare.
La vera sofferenza arriverà alla gente comune, che ancora crede un iphone o uno stipendio fisso dia la felicità, quando si renderà conto che è tutta un commedia, un'illusione; che non c'è Natale nè Pasqua e che Cristo non è morto ma è asceso con il corpo; che la razza umana non deriva dalla scimmia ma da un esperimento genetico che coinvolge Atlantide; che siamo figli di alieni, anzi gli alieni siamo noi; che abbiamo un'anima che forze definite oscure voglio depauperare, depredare perchè non ne sono in possesso e vogliono la nostra immortalità.
Tutti cadranno dalle stelle quando scopriranno che il vero sole è al centro della Terra e che quello lì fuori è solo un riflesso olografico di quest'ultimo, quando si renderanno conto che il tempo e lo spazio sono illusioni e che il passato, presente e futuro esistono simultaneamente e che si possono compiere viaggi nel tempo attraverso il proprio corpo di luce.
Le crisi saranno sempre più caotiche e il caos diventerà sempre più accentuato per scuotere ancora quell'umanità che ancora dorme nell'inconsapevolezza di non saper esistere, di non sapere chi veramente è, di non riconoscere se stessa come accecata dalla materialità e da una dualità che dirige l'orchestra.
La gente non saprà come reagire quando scoprirà che il bene e il male hanno la stessa origine, che essa stessa è Dio e che non è separata dalla Fonte originaria.
Andranno in crisi di valori e d'identità e saremo in molti ad aiutarli ad uscire dalla delusione, dal crollo di tutte le credenze che gli sono state registrate attraverso un'educazione controllata e manipolata dall'esterno. E' lì che smetteranno di essere felici ma non vorranno crederci. E' li che in molti entreranno VERAMENTE in azione, e già tantissimi lo stanno facendo anche con semplici messaggi, video, frasi, libri, sguardi e piccoli gesti quotidiani.
Basta essere troppo seriosi, bisogna ridicolizzare la serietà della vita. Parlare chiaro e schietto, senza mezze parole. Ridere sulle difficoltà che il sistema ti vuole sbattere in faccia e far capire alla gente che nel momento in cui tutto sembra perduto invece hanno tutto di guadagnato. Nessuno muore di fame in un'economia fasulla che ha creato una crisi fasulla. Se sono sopravvissuti alle guerre i nostri nonni, vuoi che non ce la facciamo noi adesso? E' questo che gli italiani devono capire e soprattutto devono capire che non ha senso avere paura del futuro, per i propri figli. 
Ai nostri figli non gliene fregherà una mazza di andare all'Università, di diventare ingegneri, avvocati o medici. Il futuro di questo pianeta non avrà più bisogno di medici perchè impareremo a guarirci da soli (ed i nostri figli s'incarnano già con questo grande dono), non ci serviranno più avvocati perchè non dovremo più difenderci da nessuno e non ci serviranno più ingegneri perchè l'ingegneria del futuro i nuovi bambini la conoscono già: è la stessa di Atlantide, Shamballa, Agartha... devono andare a scuola da insegnanti ignoranti? Loro arrivano qui già con queste conoscenze risvegliate nel loro DNA.

Questo è ritornare a casa. Ritrovare se stessi proprio dentro se stessi. Far risalire a galla tutto quello per cui si è combattuto vita dopo vita, accettarlo, trascenderlo, trasmutarlo e scioglierlo in vapore. Ascendere con il corpo senza dover aspettare ancora altri cicli. Divenire un tutt'uno con tutte quelle parti di te che condannavi all'esterno. Riconoscere la tua perfezione e divinità. Diventare quel vuoto per poter dare origine ad altri mondi, quelli che pensi di poter solo sognare, ma il sogno è reale tanto quanto la realtà è un sogno. E allora, che aspetti, sogna e crea le cose più strepitose!

Dialoghi "Arturiani" - 3 - Il vero significato del n° 666

Post precedente


IO: In questi ultimi tempi mi accorgo che moltissimi sono dominati da una sorta di "satana" aggregato in un ego ribelle e senza  consapevolezza che non sa nemmeno egli stesso chi è, ma soprattutto non riconosce che quello che accade è dovuto alla paura, alla non accettazione, all'odio, alla rabbia. La gente non accetta la propria responsabilità e cede il proprio potere a quel falso io egoico che non vede oltre il proprio naso e accusa il mondo esterno anziché riconoscere la propria divinità e perfezione.
A proposito di "satana", a proposito di satana, mi avevi detto che fino al 6-6-2013 occorreva star centrati, equilibrati in se stessi e ora che ci penso la somma di quella data è 6-6-6. E' più forte di me ma sento che quel numero non ha nulla a che vedere con ciò che gli è stato costruito intorno.
Qual è il suo vero significato?


ESSERE MULTIDIMENSIONALE: Perchè il numero 666 è stato così tanto demonizzato nei secoli? 
Perchè in realtà non ha nulla a che fare con satana. 666 è un componente della materialità (che da qualcuno può essere vista come qualcosa di satanico ma che in realtà non lo è affatto). 666 è la vibrazione che contiene lo sforzo, l'attaccamento alla vita materiale, il lavoro, il guadagno... Ti chiederai, perchè dargli un titolo così cattivo? In fondo, qui senza guadagno, denaro, come ben sai, non si vive. Ecco che allora le Chiese avevano messo un'etichetta negativa sul 666 in modo che la plebe ne avesse paura. In realtà il 666 è abbondanza materiale. Dal lato negativo, dato che ogni cosa in 3D e 4D ha una polarità, 666 significa "attento a non rimanere troppo legato ai risultati materiali"! Le Chiese, in particolare quella Cristiano-cattolica aveva demonizzato il 666 perchè ne volevano fruire solo loro. Infatti il Vaticano è lo stato più piccolo e più ricco del mondo.
Quindi, ora che stiamo uscendo dall'illusione di sforzo, sudore, sacrificio la data 6 giugno 2013 (666) è simbolo di uscita da sforzo, dolore, sacrificio. Ovviamente lo sarà solo per il primo compartimento di umani risvegliati: coloro che hanno lavorato come "apripista". Gli altri continueranno a "soffrire" proprio perchè non hanno ancora interiorizzato, assimilato e trasmutato la frequenza 666. La Frequenza 666 è legata al secondo chakra, il chakra dell'ombelico, quel portale del Corpo eterico che controlla e bilancia sesso, cibo, lavoro, emozioni 3D. Cos'altro posso dirti? Questo passaggio non è accessibile a chi non ha lavorato su se stesso dall'inizio di questa ultima vita qui in modo consapevole e autodeterminante. Non c'è verso che chi ha letto l'impossibile, fatto tutti i corsi esistenti di spiritualità, risveglio e altro con la sola MENTE possa trascendere la polarità 666. La polarità 666 la trascenderanno quelle persone che hanno aperto una comunicazione interna, tra il sè ed il . Mi spiego?
Se siamo qui è perché siamo i coraggiosi, temerari e rivoluzionari volontari di una NUOVA ESPERIENZA di passaggio e ritorno alla Luce attraverso la Carne.

venerdì 26 aprile 2013

DIALOGHI "ARTURIANI" - 2 - La centratura e il distacco


POST PRECEDENTE (se non l'avete letto riguardo a questi tipo di messaggi)

.
In allegato sotto una meditazione particolarmente importante.

TRATTO DAL MIO NUOVO LIBRO:
Le Risposte che non ti aspetti, o forse sì... - Libro
Rivelazioni di un'Arturiana
€ 13


IO: A volte vorrei sperimentare in tutto e per tutto quello che potrei racchiudere nella frase «IL MONDO E’ UNO SPECCHIO». Vorrei cambiare qualcosa dentro di me (giudizi, paure e fastidi) nei confronti degli altri, per verificare quanto essi (personaggi del mio ologramma) cambino nei loro atteggiamenti nei miei confronti.. sperimentare come un alchimista.

ESSERE MULTIDIMENSIONALEPer il momento,  rimani ben saldo in te stesso e non uscire dai "margini" di quello che sei in forma umana. Appena al di là dei "confini" sappi che c'è il marasma. Credimi sulla parola. Siamo entrati in "tempi" di caos totale, soprattutto con la luna piena ed eclissi di luna di ieri. Questa eclissi ha portato a galla tutte le emozioni represse, non-accettate e negate delle vite parallele e passate dell'intera umanità. Nell'etere c'è il macello, le persone che non hanno raggiunto un equilibrio abbastanza stabile stanno distruggendo se stesse o tentano di distruggere chi ha un proprio centro interiore. Stattene ben protetto in luoghi a te consoni, non entrare nei drammi degli altri perchè sono troppo pesanti. Per il momento non cercare di cambiare te stesso, vai bene così come sei, lascia che ogni eventuale piccola calibrazione a te necessaria sia apportata dalle parti alte di te. Fidati! Fidati del/dei tuoi Sè Alti. Soprattutto ORA non è il momento di uscire, fisicamente o virtualmente, ad aiutare gli altri. Essi sono talmente appesantiti dal bagaglio di scarto energetico che stanno riportando a galla per essere rilasciato, che se solo ti metti in "gioco" con loro ti tirano dentro la loro feccia. Non è assolutamente un atto egoistico, anzi serve a poter essere come dei fari luminosi ma silenziosi. Osserva con distacco e centratura quello che succede ma non entrare a farne parte. Attento che anche se lavori su te stesso, quelli fuori, che percepiscono a livello di coscienza collettiva il lavoro che stai facendo per te, ti gettano un pò dei loro malesseri interiori, psicologici, emozionali, paure, ansie, rabbie e preoccupazioni per scaricarsi dalle loro responsabilità. Rimani centrato nella tua Luce e non andare fuori dal bozzolo illuminato in cui sei immerso. Ok? Cerca situazioni e momenti armoniosi, NON USCIRE DALL'ARMONIA e se hai attacchi di nervi o altre cose simili, esci e cammina scalzo sul suolo di Madre Terra. Scarica le tensioni giù nel cuore di madre terra. Ci penseranno gli Aghartiani a trasmutare quello che mandi giù per alleggerirti. 

C'è sempre più gente risvegliata ma ancora non sono sicuri delle proprie sensazioni, hanno un sacco di visioni, sogni e percezioni ma stentano a crederci. Ci vuole ancora un pò di tempo affinchè credano di più alla loro immaginazione che alla realtà esterna. La realtà esterna è terribilmente forte e magnetica e vuole avere la meglio sulla percezione sensoriale... ma è normale,  va tutto bene e  bisogna avere pazienza che con il "tempo" (ricordati che è sempre un'illusione) sempre più gente prenderà contatto con il proprio <Consiglio di Luce>.





martedì 9 aprile 2013

Dialoghi "Arturiani" - 1 - Il processo di trasformazione e l'accettazione

Tratto dal mio nuovo libro:

Le Risposte che non ti aspetti, o forse sì... - Libro
Rivelazioni di un'Arturiana
€ 13

[Non ha importanza con chi ho avuto questi dialoghi, né come sono avvenuti. Non è importante il messaggero ma il messaggio. Ne fornisco solo la mia testimonianza diretta e se può esservi d'aiuto diffondete!]



Stai solo attraversando il più grande processo di trasformazione da quando ti sei incarnato in questo corpo. Accetta e trascendi. Accetta quello che è successo e che continuamente succede quando ti sembra di perdere il controllo delle tue emozioni demolitrici e sappi che la prossima volta devi imparare a controllarti o meglio a controllare tutto quel fango che passa attraverso di te per essere trasmutato.
Quando cedi, accade perchè devi ricordarti cosa significa cedere. Stai tranquillo che ora non cederai più. Avrai ancora piccoli attacchi di quel genere ma saranno sempre più leggeri e miti finchè scompariranno. Fanno parte della fase di trasformazione da carbonio a cristallo. Quando ti cirstallizzi, le tue cellule si cristallizzano c'è poco da fare: inizia a diventare spaventosamente empatico e ti passano attraverso emozioni che ti sembrano tue ma NON SONO TUE. Sono emozioni della Coscienza di Massa. E tu le stai trasmutando.
Questo è un esperimento e niente più, Claudio. Inizialmente siamo venuti qui tutti per gioire delle bellezze del pianeta, le cose sono andate un pò a rotoli e quindi non potevamo permetterci di abbandonare qui tutti i nostri Fratelli e Sorelle incastrati nella matrice, né permettere alla matrice di ritornare alla Fonte uccidendo un sistema di gioco interessante. Ecco che dopo 4 fallimenti di ascensione si è deciso di fare le cose con calma, con coraggio e con grande determinazione. Scendere, filtrare le energie di bassa vibrazione, trasmutarle in energia di altra vibrazione e rischiare di essere eliminati. Fuori un corpo, dentro un altro e giù di nuovo a riprendere in mano il lavoro interrotto dai fratelli "perduti" o dai cloni/borgs/burattini della compagine negativa.
Questa è stata una tua scelta, ti sei allenato a lungo per arrivare a quest'ultimo step, sapevi che non sarebbe stato facile ed anche se l'avessi voluto non avresti potuto rinunciare a questa missione. E' come se Leonardo da Vinci avesse lasciato la Gioconda incompiuta perchè aveva male al braccio e non riusciva a tenere più in mano il pennello per più di 10 minuti. Impossibile!
La conoscenza del futuro è una cono-scienza  acquisita milioni di anni fa. Il cerchio si sta chiudendo e quindi quello che già sai, ma hai dimenticato, nella matrice della dimenticanza, ora sta ritornando.
Qui tutto va secondo i tempi della matrice: lentamente e senza colpi di scena esterni. I veri colpi di scena avvengono solo internamente e puoi condividerli solo con altri simili che hanno provato la tua stessa esperienza altrimenti, gli altri, ti prendono per matto!
Ricorda che non puoi parlare di futuro. Quella è una pretesa della tua mente. Come puoi parlare di quello che ancora non hai sperimentato? Ricordati che questa è la prima volta che un pianeta riesce ad ascendere con la popolazione ancora in vita. Non è mai successo che un'intera razza riuscisse a prendere la via dell'ascensione senza morire. Questa ascensione nella carne è la prima volta che viene provata in massa. Nessuno sa come sarà. Questo è un concetto che dovete TUTTI mettervi bene in testa. Questa ascensione si vive GIORNO PER GIORNO!
Sai perché ti vien da ridere quando ascolti notizie di previsioni catastrofiche a livello economico, geologico e politico? Perchè stai percependo che questi tentativi di installazione di paura e rabbia sono tridimensionali, mentre tu stai viaggiando (dentro di te) fuori dal 3D. Sei in viaggio nel 4D ora. Quando uscirai dalla parte bassa del 4D (basso astrale) ed inizierai ad assaporare la parte "magica" della parte alta del 4D (alto astrale) starai molto meglio. Ora stai annusando, gustando, integrando la Coscienza Collettiva...ecco perchè le emozioni ti fanno ancora un pò "paura". Come ti ho già detto, quello che provi adesso non è roba tua. E' tua, in quanto componente dell'umanità, ma non è tua. Attraverso di te stanno fluendo le emozioni dell'intera umanità. Per entrare definitivamente in 5D bisogna passare tutto il 4D, con tutte le sue trappole emozionali e mentali. Chi passa di là lava via le incrostazioni energetico-mentali ed emozionali dell'intera umanità. E' questo che stiamo facendo da una decina d'anni, caro Fratello di Luce. Negli anni passati hai lavato via le tue personali incrostazioni, ora lavi via anche quelle dei tuoi fratelli e le tue sorelle in incarnazione. Siamo qui per far ascendere l'intera popolazione umana. Ognuno lavora su se stesso e facendo ciò lavora anche per gli altri, quelli che non hanno alba, quelli che sono ancora fortemente imprigionati nel carcere 3D. Stiamo aprendo le celle, Claudio. Stiamo liberando l'Umanità dalla lunghissima prigionia e dalla separazione dal resto dell'Universo. E questo lavoro va fatto da dentro. E' inutile lavorare fuori. Lavorare fuori equivale a combattere con i Mulini a Vento...ed in passata v'è stato qualcuno che ha ben descritto quanto sia inutile lottare con l'illusione. Don Quijote de la Mancha, dopo tanta lotta inutile ma utile, si illumina e prende consapevolezza di quanto illusoria sia la vita in questa bolla 3D. Anche Miguel de Cervantes era un seme stellare. Dedicò la sua intera vita a comunicare agli addormentati che la realtà è oltre le apparenze e va al di là di questa bolla carceraria.
Tutto si perdona automaticamente da sè quando viene ACCETTATO. L'Angelo caduto non è diverso dall'Angelo disceso, il primo ha fatto esperienza di caduta ed il secondo è venuto a riprenderlo. Quello caduto deve accettare di essere caduto e vedere la sua caduta solo ed esclusivamente come una delle tante esperienze che si fanno nell'eterno fluire del movimento universale. Accetta il tuo sentimento di odio, accetta il tuo sentimento di giudizio perchè essi sono le linee emozionali che hai scelto di sperimentare.

Chi ha deciso di ascendere con il corpo lo ha fatto perchè ha deciso di non morire più. In realtà sappi che l'ascensione con il corpo non significa  avere un corpo fisico in 5D. Quando sarai perfettamente calibrato al 5D il tuo corpo sarà eterico e quello fisico andrà a deporsi nel tuo "armadietto interno". Questo copro fisico 3D ti permetterà di rientrare nel 3D tutte le volte che vorrai, ti basterà indossarlo di nuovo. Ecco che ti servirà, in certi momenti, per andare a trovare quelli che invece continueranno la sperimentazione tridimensionale su un altro pianeta 3D. Tu ti ricorderai di loro, loro non si ricorderanno di te ma tu li verrai a trovare per dare loro delle chicche illuminanti quando vi sarà la necessità di farlo. Adesso il tuo corpo fisico ti serve assolutamente perchè è attraverso questo veicolo terrestre che fai esperienza di ascensione e di nuovo di analisi delle emozioni che ritornano a galla per essere ripulite. Come ti ho già detto, devi passare attraverso la Coscienza Collettiva e diventare molto empatico (sentire quello che sentono gli altri al 100%) prima di uscirne e proseguire verso la Coscienza Planetaria e poi approdare nella Coscienza Universale (5D). Non devi fare nulla per ripulire le emozioni della Coscienza di Massa, devi solo accettarle....è l'ACCETTAZIONE che funge da trasmutatore.
Quando stai male e pensi che questo dolore non se ne andrà mai accade proprio perchè sei PRONTO per una dimensione superiore! Stai male perchè devi risolvere questa tua paura, una volta che l'avrai risolta sarai la persona più felice del mondo. Staccarsi dalle emozioni di questa vita fa male, fa un male cane e purtroppo prima o poi tutti ci devono passare. Sii sempre te Stesso e guardati dentro, leggiti dentro, cerca la Causa Radice di questo dolore. Ti assicuro che la troverai e la estirperai, non avere fretta, c'è tempo...c'è un sacco di tempo. Sono le aspettative della tua mente che ti fregano... le aspettative fregano tutti perchè sono proiettate nel futuro. Stai nel presente e vivi la gioia del qui ed ora. Devi imparare ad accettare le situazioni. Spesso gli altri arrivano nella nostra vita non solo per darci gioia ma anche per svegliare in noi ferite sepolte, e questo ti insegna a superare questi blocchi che hai ancora dentro. Sembra assurdo ma a volte i problemi degli altri servono a liberare i tuoi. Mi spiego?
Abbi grande fiducia nella liberazione perchè questa avverrà sicuramente, per ottenerla bisogna ritornare nell'"inferno" delle proprie emozioni e leggersi dentro, capire perchè c'è ancora tanto dolore. Quando avrai capito la causa radice e l'avrai esacerbata, attraverso il perdono, l'autoperdono e la compassione, vedrai che ti sentirai un'altra persona. Te lo garantisco. Abbi pazienza e fiducia in te stesso e nel grande disegno di liberazione dell'Essere Umano dalla trappola mentale ed emozionale...questo processo è in atto.



Le Risposte che non ti aspetti, o forse sì... - Libro
Rivelazioni di un'Arturiana
€ 13

venerdì 22 marzo 2013

La parte istintuale negli umani terrestri viene dai rettili.


 Il primo cervello a formarsi nel cranio dei terrestri (cervello limbico) è chiamato anche cervello rettiliano.


Il nucleo più interno e più antico del nostro cervello viene chiamato dagli studiosi 'cervello rettiliano perchè ha le stesse caratteristiche che ritroviamo nel cervello della specie dei rettili, molto precedente alla nostra nel cammino evolutivo.

Naturalmente abbiamo anche le caratteristiche del cervello dei mammiferi e, nello sviluppo della corteccia, la parte più recente, quelle della nostra specie.
Tutti noi abbiamo quindi a che fare, nella nostra testa, con le reazioni istintuali, di pura sopravvivenza, tipiche dei rettili. Che poi questi rettili siano o no anche esseri 'dimensionali', o 'extraterrestri' che vogliono schiavizzarci, risulta del tutto indifferente: ciò che ci accade, accade prima di tutto nella nostra mente; il mondo cosiddetto esterno, sensoriale, rispecchia ciò che crediamo e pensiamo. Infatti la cultura, le convenzioni sociali, e soprattutto il potere dei media, non fanno altro che imporci cosa dobbiamo credere e pensare, e quindi creare.
Il meccanismo è molto semplice; siccome il cervello rettiliano è molto più veloce nelle sue reazioni, che non richiedono riflessioni, entra in azione per primo nel caso che l'organismo si senta minacciato e sia preda della paura. Allora i mezzi che il cervello rettiliano attiva sono stereotipati: aggressione, fuga, o totale immobilità per ingannare l'avversario, non certo la ragione o l'analisi, e tantomeno la ricerca di soluzioni.
Ecco perchè tutti i giorni la televisione e i giornali riempono i vostri occhi e le vostre teste di violenza, guerre, emergenza, malattia, terrore...Il potere dell'ego collettivo, dominato dalla paura di scomparire, vuol perpetuare se stesso e quindi costringe il singolo a vivere nella paura, rendendolo impotente e facendolo rinunciare all'enorme forza creativa che gli appartiene.
Ma niente può costringerci se non vogliamo; cari amici e amiche, spegnete il televisore, uscite, immergetevi nel profumo dei fiori dei campi e sprofondate i vostri occhi nell'azzurro del cielo, ascoltate il canto degli uccelli e osservate la libertà dei loro voli.
La realtà è plasmata continuamente dai nostri pensieri, non esiste di per sè, possiamo scegliere! Nessuno, rettile o umano, o extracomevolete, può privarci del nostro potere creativo, se ne siamo pienamente coscienti. Alcuni hanno perso la piena coscienza di cosa significa essere UOMO, per questo sono vulnerabili e si prestano ad essere 'usati'. Per quanto mi riguarda, il mio mondo è pieno di fiori, farfalle e cieli azzurri e il canto degli uccelli mi accompagna sempre.
Rinunciate anche voi alla paura, e cominciate a creare: intorno a voi sboccerà la bellezza!
Capisci?
FONTE: http://www.thexplan.net/

venerdì 8 marzo 2013

RISCOPRIRE IL PROPRIO POTERE - Fase 5



Fase 5


Per nutrire ciò che si trova dall'altra parte dello specchio, ossia quello che tu definisci il parassita invisibile che indossa il tuo stesso abito, servi proprio in vita e anche bello paffutello. Se comprendi queste parole contorte fanne strumento per guardarti nello specchio della tua dimensione.
Ciò che hai integrato lo accetti e lo ami incondizionatamente, ma ciò che ancora non hai integrato e visto in te, lo rifiuti, lo condanni, lo giudichi, lo respingi e gli inveisci contro. Fa parte del cambiamento l'osservare, l'accettare e l'integrare per poi amarlo alla follia. Se rifiuti il cambiamento rifiuti la tua stessa salvezza.
Quando ti svegli non significa che il mondo cambia all'istante ma sei tu a cambiare visuale e puoi quindi spostarti in un cerchio diverso. Oppure ciò che è fuori può cambiare solo per te e per gli altri no. Il mondo è al tuo interno anche se l'illusoria separazione tra te e l'esterno ti costringe a vivere nella dualità. È un mondo duale, non c'è altra definizione.  Ma quando ti svegli smetti di cedere il tuo potere, la tua energia e inizi poco alla volta, con una volontà sconosciuta, a fidarti dell'unica Forza che ti Anima. Questa forza la regali al famigerato nemico senza saperlo. Occorre che tu ne riprenda il controllo. Odiare quello che tu definisci emico serve solo a dargli parte del tuo potere.
Quando ti svegli capisci che sei in un altro sogno. È una matriosca di sogni, forse di illusioni, di visioni, di ricordi, di sfide.
Per liberare il pianeta dagli oppressori, che tu stesso hai creato, occorre prima liberartene personalmente. Ecco perché prima di un partito politico, promesse finanziarie, lavoro, medicine miracolose, occorre sganciarsi dal nemico interiormente e ricordarsi di sè in quanto anima facente parte di una Coscienza incredibilmente grandiosa che non vede né giusto né sbagliato ma solo l'esperienza. Ma di certo ognuno paghi per le sue azioni. Ciò che emetti ti ritorna indietro.
Causa-effetto.
Per vedere oltre e sciogliere la dipendenza da ciò che odi o temi, occorre sottrarre loro i soldati, ossia tutti quei pensieri non tuoi che ti fanno percepire l'altro come nemico o il cattivo di turno. L'illusione della separazione crea una sotto-illusione, ossia quella del sentirti al di fuori di un mondo che ha potere su di te, ma il potere è in te, sei TU quel potere. Il problema è che lo dirigi nella direzione della polarità. Ti polarizzi sul giudizio di ciò che è giusto e sbagliato. Questo è un bene perché ti permette di conoscerti attraverso chi hai di fronte, ma quando comprendi nel profondo che ti sei accanito in ogni caso contro te stesso, riprendi pieno controllo di te e guardi tutto dall'alto della montagna sacra dove la Coscienza Creatrice attende il tuo ritorno. Non è un viaggio a senso unico ma a doppio senso perché tu ed essa vi venite incontro per riconoscervi come un'unica realtà. Nell'altro ci sono sempre e comunque proiezioni di te e tu sei quella Coscienza Creatrice che sta reintegrando in sé le sue cellule e una di quelle cellule sei proprio TU. Ecco perché perdonando chi hai di fronte, stai perdonando te stesso e viceversa e pertanto diventi libero dai vincoli e il mondo non è più un Dio crudele davanti al quale ti prostri tutti i santi giorni, ma diventa il quadro sul quale dipingi i tuoi sogni.
  


Adesso va..

Qualunque cosa tu stia facendo adesso, qualsiasi cosa tu pensi di te e del mondo, qualsiasi cosa ti stia accadendo, qualsiasi incontro tu abbia fatto, qualsiasi abito indossi, qualsiasi persona tu abbia di fronte, qualsiasi paura, gioia, aspirazione tu abbia, qualsiasi sia il luogo nel quale ora ti trovi, da qualsiasi parte tu stia guardando il cielo, io da qua dentro ti dico che la tua fede, la tua umiltà, la tua tenacia, il tuo coraggio, la tua pazienza, la tua caparbietà, il tuo rispetto e il tuo amore… ti hanno premiato!
Ora va e non fermarti più.
Il viaggio è tutto ciò che esiste. 



Se questo piccolo libro ti è piaciuto, consiglialo a chi senti di farlo.

(TRATTO DAL NUOVO LIBRO)


Le Risposte che non ti aspetti, o forse sì... - Libro
Rivelazioni di un'Arturiana
€ 13

RISCOPRIRE IL PROPRIO POTERE - Fase 4



Fase 4


La tua Coscienza Creatrice porta a manifestazione tutto quello che appartiene a quel determinato livello, raggiunto dalla tua Consapevolezza, di esistere all'interno di un campo di Energia. Tu vivi esattamente all'interno di esso. Ti manifesti al suo interno e grazie ad esso. Tu stesso sei Energia in movimento che prende forma dopo aver attinto da un campo sterminato di energia senza forma. Già ti vedo ad immaginare te stesso come un contadino che raccoglie l'energia quasi fosse il suo raccolto. Inizia a percepire nella parte più profonda di te quello che sto per rivelarti perché non lo rifarò una seconda volta. se vuoi fai una piccola pausa, fermarti, rilassati, distraiti un attimo, ma subito dopo torna centrato, immerso del tutto in questo momento quasi fosse l'ultimo di questa tua vita.
Fai un respiro profondo.
Fanne un altro.
Ancora un altro.
Ti rendi conto di come l'aria è sempre lì per servirti? Non la vedi, non puoi toccarla, annusarla, ma essa esiste e ti serve costantemente. È al tuo servizio per nutrirti e permetterti di vivere. Se tu respiri male, non è di certo colpa dell'aria, ma è solo una tua responsabilità. Sei tu stesso che respiri in maniera errata. Quasi sempre non sei consapevole del tuo respirare; ti ossigeni male e il corpo ne risente a lungo andare perché l'ossigeno è necessario alla tua stessa esistenza. Lo so che hai già capito cosa voglio dire e dove voglio arrivare con questo esempio.
L'aria, l'ossigeno ti circonda così come ti circonda il campo di Energia nel quale sei immerso. L'utilizzo che ne fai dipende esclusivamente dal tuo essere responsabile e consapevole dei tuoi pensieri, scelte e azioni.
L'Energia è proprio qui con te, anche adesso, per servirti. Tutto dipende dalle scelte interiori che compi e di conseguenza da quelle successive, ossia esteriori. Il tuo focus, quando si stabilizza su un qualcosa, con un'intenzione viva, forte e costante, non fa altro che dare forma all'energia nelle manifestazioni che ne derivano. Devi muoverti verso di essa o sarai in balia di eventi che la tua inconsapevolezza avrà creato. In un modo o nell'altro l'Energia deve e vuole servirti perché la creazione avviene tramite e dentro di essa.
Smettila di lamentarti del mondo e inizia sin da subito a regnare all'interno del tuo regno che è la tua stessa realtà. Abbi coraggio e fiducia nel chiedere. Se lo fai con l'intelligenza del cuore, tutto ti sarà concesso.
I mezzi che l'Energia utilizzerà per servirti non devono interessarti perché l'unico tuo compito è quello di smettere di essere governato dai pensieri e da una mente programmata dalla paura. Ti ripeto per l'ennesima volta che la mente è solo un tuo strumento e in quanto tale è al tuo servizio. Ma ti ricorda anche, prima di spiegarti il resto, che ciò che emetti, prima o poi ti ritorna indietro come un boomerang. Se le tue scelte sono prese con indecisione, paura e titubanza, l'energia ti servirà in ogni caso. Sappi che farsi servire dall'Energia non significa obbligare gli altri ad essere tuoi schiavi. Non devi ( sempre a tuo rischio e pericolo se lo fai) diventare assolutamente un mago nero che usa l'Energia per il male degli altri, tutt'al più per il loro bene.
Ciò che emetti ti ritorna indietro.
Non pensare che, solo perché chiesto all'Energia di servirti, ed essa usa altre persone come strumento, allora significa che tu li stai sfruttando. Assolutamente no. Non sono affari tuoi i mezzi usati. L'importante è il modo in cui chiedi e scegli. Se per assurdo vai in cerca di un lavoro e sei gioioso e sicuro di te a prescindere da quello che accade, attingendo la tua carica dalla presenza consapevole nel qui e ora, e, per assurdo, ti si presenta un volantino che qualcuno poco prima ha gettato per strada e sopra c'è scritto che cercano proprio te e poi qualcun altro, magari, ti pagherà per quel lavoro, devi capire che non stai sfruttando quelle persone che ti stanno magicamente servendo, perché anche tu stai servendo loro con il tuo lavoro creando un perfetto equilibrio.
E in tutto questo la tua umiltà deve essere sempre presente nel ringraziare sia te stesso, sia l'altro che hai di fronte, sia l'energia che ti ha servito. Più ti muovi nell'energia e con l'Energia, più crei altri infiniti potenziali di realtà parallele che puoi sperimentare.
Tu sei in una costante situazione di scelta nella tua vita, alcune sono inconsapevoli, altre, per tua grazia, no. Ti ripeto: che tu scelga di agire o di non agire, hai comunque compiuto una scelta e l'Energia non farà che eseguire il suo compito. Adesso il "problema" che tu ti poni è:
"Come fare a scegliere consapevolmente? Come fare a sapere cosa è più giusto per te? Come sapere verso cosa dirigersi?"
DEVI MUOVERTI!
L'Energia ha bisogno di movimento. Ovunque ti muovi essa è presente. Falla muovere con te e per te. Non pensare ai risultati, al come o al quando ma concentrati solo ed esclusivamente sulla tua presenza consapevole attimo dopo attimo. La presenza è quell'atteggiamento cosciente di totale dedizione a qualunque cosa tu faccia.
Vuoi che te lo ripeta per l'ennesima volta per fartelo entrare bene in testa?
Devi muovere tutto ciò che è intorno a te o il resto muoverà te! Devi muoverti con l'energia, essa deve e vuole servirti! Devi uscire dal recinto mentale di questi pensieri ossessivi di schiavitù e dirigerti ovunque il tuo sentire più profondo ti dice di andare fosse anche a al supermercato per un pacchetto di caramelle. Tu vivi, te lo ripeto, in un campo sterminato di energia che aspetta solo di prender forma "SERVENDOTI".
Tutti in un modo o nell'altro desideriamo qualcosa. Siamo figli di un desiderio anche noi, d'altronde. Quale? Quello di un essere macrocosmico che voleva donare una parte di Sé ad una sua stessa creazione perché era l'unico modo che aveva per diventare consapevole di Se Stesso.
Scommetto che non sai cosa fare in questo momento, vero? Comincia da questi semplici atteggiamenti:
·         Inizia a muovere l'energia altrimenti sarai mosso tu a tua volta in balia dell'indecisione.
·         Sii deciso, convinto, umile, coraggioso, senza vergogna, timidezza né paura.
·         Muoviti mentre sei fermo e stai fermo mentre ti muovi.
·         Entra nel campo delle varianti e nuota in questo campo immenso ed infinito di energia dandole la forma più armoniosa.
·         Esegui una scelta consapevole.

Ancora non ti basta? Ecco degli ultimi consigli, dopodiché devi proseguire da solo, a tutti i costi.

·         Il potere è nelle tue mani, tu lo cedi quando perdi consapevolezza di te.
·         Il tuo inconscio è una camera oscura dove senza Luce sei costretto a creare la realtà che esso detta per poterti far vedere chiaramente cosa accade dentro di te.
·         Molla la mente.
·         Segui il flusso.
·         Cessa di fare ipotesi.
·         Agisci e basta, anche nel non agire.
·         Il flusso è ciò che vedi ora, ciò che la vita ti da.

Sii consapevole della tua potenzialità estremamente magica ovunque tu sia!


(TRATTO DAL NUOVO LIBRO)

Le Risposte che non ti aspetti, o forse sì... - Libro
Rivelazioni di un'Arturiana
€ 13

NEWSLETTER

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Il Risveglio di Coscienza

Il Risveglio di Coscienza

Si è verificato un errore nel gadget

VIDEO

Loading...