Passa ai contenuti principali

DIALOGHI "ARTURIANI" - 2 - La centratura e il distacco


POST PRECEDENTE (se non l'avete letto riguardo a questi tipo di messaggi)

.
In allegato sotto una meditazione particolarmente importante.

TRATTO DAL MIO NUOVO LIBRO:
Le Risposte che non ti aspetti, o forse sì... - Libro
Rivelazioni di un'Arturiana
€ 13


IO: A volte vorrei sperimentare in tutto e per tutto quello che potrei racchiudere nella frase «IL MONDO E’ UNO SPECCHIO». Vorrei cambiare qualcosa dentro di me (giudizi, paure e fastidi) nei confronti degli altri, per verificare quanto essi (personaggi del mio ologramma) cambino nei loro atteggiamenti nei miei confronti.. sperimentare come un alchimista.

ESSERE MULTIDIMENSIONALEPer il momento,  rimani ben saldo in te stesso e non uscire dai "margini" di quello che sei in forma umana. Appena al di là dei "confini" sappi che c'è il marasma. Credimi sulla parola. Siamo entrati in "tempi" di caos totale, soprattutto con la luna piena ed eclissi di luna di ieri. Questa eclissi ha portato a galla tutte le emozioni represse, non-accettate e negate delle vite parallele e passate dell'intera umanità. Nell'etere c'è il macello, le persone che non hanno raggiunto un equilibrio abbastanza stabile stanno distruggendo se stesse o tentano di distruggere chi ha un proprio centro interiore. Stattene ben protetto in luoghi a te consoni, non entrare nei drammi degli altri perchè sono troppo pesanti. Per il momento non cercare di cambiare te stesso, vai bene così come sei, lascia che ogni eventuale piccola calibrazione a te necessaria sia apportata dalle parti alte di te. Fidati! Fidati del/dei tuoi Sè Alti. Soprattutto ORA non è il momento di uscire, fisicamente o virtualmente, ad aiutare gli altri. Essi sono talmente appesantiti dal bagaglio di scarto energetico che stanno riportando a galla per essere rilasciato, che se solo ti metti in "gioco" con loro ti tirano dentro la loro feccia. Non è assolutamente un atto egoistico, anzi serve a poter essere come dei fari luminosi ma silenziosi. Osserva con distacco e centratura quello che succede ma non entrare a farne parte. Attento che anche se lavori su te stesso, quelli fuori, che percepiscono a livello di coscienza collettiva il lavoro che stai facendo per te, ti gettano un pò dei loro malesseri interiori, psicologici, emozionali, paure, ansie, rabbie e preoccupazioni per scaricarsi dalle loro responsabilità. Rimani centrato nella tua Luce e non andare fuori dal bozzolo illuminato in cui sei immerso. Ok? Cerca situazioni e momenti armoniosi, NON USCIRE DALL'ARMONIA e se hai attacchi di nervi o altre cose simili, esci e cammina scalzo sul suolo di Madre Terra. Scarica le tensioni giù nel cuore di madre terra. Ci penseranno gli Aghartiani a trasmutare quello che mandi giù per alleggerirti. 

C'è sempre più gente risvegliata ma ancora non sono sicuri delle proprie sensazioni, hanno un sacco di visioni, sogni e percezioni ma stentano a crederci. Ci vuole ancora un pò di tempo affinchè credano di più alla loro immaginazione che alla realtà esterna. La realtà esterna è terribilmente forte e magnetica e vuole avere la meglio sulla percezione sensoriale... ma è normale,  va tutto bene e  bisogna avere pazienza che con il "tempo" (ricordati che è sempre un'illusione) sempre più gente prenderà contatto con il proprio <Consiglio di Luce>.





Commenti

  1. forse sto per segnalarti un link che già conosci, ma l'istinto mi dice di farlo comunque, perché in caso contrario, questo ti agevolerà ancora maggiormente nel tuo cammino :)
    http://soulvoice.net/italian/method.html

    RispondiElimina
  2. Parole che giungono proprio ORA e che arrivano in RISPOSTA..grazie COME SEMPRE!

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti a scopo offensivo, di ingiuria e senza un legame con tale argomento verranno rimossi.

Post popolari in questo blog

"Lì dove è stata perduta" il nuovo film di Claudio Guarini sulle personalità

Questo film nasce con il principale intento e obiettivo di trasmettere un messaggio, cioè quello di far comprendere a chi lo guarderà che la nostra vita, il nostro quotidiano è condizionato da una o più personalità. Esse sono state quasi sempre messe in moto sin dalla nostra infanzia, da quando eravamo bambini, periodo in cui hanno cominciato a nascere, a costruirsi nell’osservare i nostri genitori in determinate situazioni che hanno messo la mente in una situazione di disagio, di sofferenza, di mancanza, il cosiddetto trauma emotivo e psicologico. La mente ha creato un suo filtro attraverso il quale ha iniziato a vedere la propria vita, creando idee distorte su se stessi, sul mondo esterno, sul proprio maschile e sul proprio femminile. Un altro aspetto che viene affrontato e sottolineato all’interno della pellicola è il rapporto di coppia, la relazione in generale, ma anche quella con il proprio compagno/a e con i propri genitori. Si affronta un meccanismo che possiamo chiamare “rappo

La chiave è dentro te stesso

  Tutte le volte che ripeti a te stesso “ho paura, non ce la faccio”. Tutte le volte che guardi allo specchio e tenti di cambiare te stesso rompendo l’immagine che hai di fronte. Tutte le volte che, anziché fare un passo, lo fantastichi nella tua mente. Tutte le volte che ti ritrovi a fare la vittima, accusando il mondo esterno. Bene. Tutti questi momenti non parte della realtà, ma di un’illusione in cui stai solo recitando un ruolo, condizionato da un’unica paura, quella della responsabilità. Responsabilità dei tuoi pensieri, delle tue parole, delle tue azioni, della tua vita. La responsabilità di ciò che sei davvero. Qualcuno ha detto “Da un grande potere derivano grandi responsabilità”. Ma io adesso ti dico che non si tratta di un grande potere o un grande responsabilità. Una volta che hai compreso l’opportunità che il cambiamento può offrirti, hai l’occasione di abbandonare una volta per tutte l’illusione per poterti immergere nella verità. La tua responsabilità sta nel mostrare co

DENTRO TE STESSO VI E' LA CHIAVE

La mente vede la propria vita attraverso lo schema fumoso dei ricordi   Se ti stai concentrando sulla vita degli altri allora chiediti cosa non va nella tua. Non sono gli altri a creare il tuo malessere. Sei tu stesso che li attiri a te affinché tu possa guardarti dentro e accorgerti che esso era già presente al tuo interno.  Il presente c'è. Sei tu che non ci sei perché vivi nel controllo. Sei immerso nella mente, tra tesi, ipotesi, idee e convinzioni. Molla quel controllo e lascia fare alla vita, a quella forza che è già dentro di te, ma che ti rifiuti di ascoltare solo perché non rientra nelle grazie del tuo ego.  Puoi trovare mille motivi per giustificare i tuoi "come faccio" o i tuoi infiniti "non riesco" , ma sono tutte scuse, strategie per rimanere nell'atteggiamento dell'adolescente che non vuole fare un passaggio: Il diventare adulto.  Questo implica prendersi la responsabilità della propria vita, dei propri pensieri, delle proprie azioni. A vol