Passa ai contenuti principali

La SOLUZIONE ai tuoi mali sei TU!


Ciò che vi portate dentro
– quelle due entità che qualcuno racchiude nel termine personalità oppure ego–
prendono le decisioni al posto vostro.
LA VOCE NELLA TESTA, qualunque cosa dica, non siete VOI a dirla.
Se non toccate con mano la vera origine e la gravità del problema,
non avete alcuna speranza di liberarvi.  

Il nostro demone, il nemico fasullo, è proprio sotto i nostri occhi, anzi è dentro di noi.
Pensiamo (perche ce l'hanno fatto credere) che sia all'esterno:
(persone, situazioni, politici, governi, guerre, terroristi, malviventi, ecc),
ma in realtà quel nemico che a noi sembra esterno è 
solo una PROIEZIONE OLOGRAFICA delle nostre paure inconscie.
Il subconscio attrae continuamente (per mezzo della legge di attrazione)
tutto ciò che ci serve per guardarlo negli occhi una volta per tutte.
E più pensiamo che non ci appartenga ciò che ci accade,
più crediamo sia dovuto al fato, alla sfortuna al mondo ingiusto,
più le stesse situazioni si ripresenteranno,
anche se cambiamo lavoro,cambiamo partner, cambiamo città..

La fuga è semplicemente INUTILE!!
SAPPIATELO!
Lo dico per esperienza diretta, e non perchè leggo libri e faccio il saputello su facebook..

La cosa più ingusta che potete fare al momento, in questo periodo di cambiamento,
è fuggire da ciò che vi è piu vicino:
amici, parenti, situazioni irrisolte sul lavoro o in famiglia.
Esse sono lo specchio più evidente di ciò che è nel nostro subconscio,
(ciò che purtroppo non possiamo vedere direttamente)
ma che grazie alla velocità di manifestazione (dovuta al periodo che viviamo)
arriva nelle nostre vite sotto forma di ogni cosa che ci circonda:
PERSONE e SITUAZIONI!

Più resistenza, più attrito, più dolore, più follia.
Restare nel qui-e-ora,
accettare quello che c'è e non quello che noi vorremmo ci fosse,
aprire il Cuore,
guardare con coraggio le proprie paure...

 Non è combattendo, respingendo,
o utilizzando le stesse armi dello "SFIDANTE",che si ottiene la vittoria,
altrimenti rimarremo sempre nello stato duale di separazione, di giusto e sbagliato, bello o brutto ecc..
Il tutto va trasmutato e ancor prima va accettato (ma non passivamente),
ma nel senso che ciò che ci capita è pur sempre parte di noi, accade a noi per un motivo ben preciso.
L'attrito c'è per permetterci l'autocoscienza,
per prendere consapevolezza e TRASMUTARE il piombo (emozioni negative) in oro (emozioni superiori)
attraverso l'osservazione costante (come fossimo un testimone esterno) senza giudizio alcuno,
ma con compassione,cercando di non odiare ciò che ci accade
ma di perdonare quel famoso NEMICO (che non è all'esterno ma dentro di noi);
e col tempo la coscienza si sposterà dalla personalità (mente/ego)
a questo testimone che si viene a creare
e infine (cosa piu difficile), all'anima il cui cervello è il CUORE COMPASSIONALE
  che niente giudica e tutto perdona e vede tutto come PERFETTO nella sua visione generale delTUTTO è UNO.

Commenti

  1. mi ricorda il libro "mondo nuovo" i Eckart tollè
    Grazie di questa bella lettura

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti a scopo offensivo, di ingiuria e senza un legame con tale argomento verranno rimossi.

Post popolari in questo blog

"Lì dove è stata perduta" il nuovo film di Claudio Guarini sulle personalità

Questo film nasce con il principale intento e obiettivo di trasmettere un messaggio, cioè quello di far comprendere a chi lo guarderà che la nostra vita, il nostro quotidiano è condizionato da una o più personalità. Esse sono state quasi sempre messe in moto sin dalla nostra infanzia, da quando eravamo bambini, periodo in cui hanno cominciato a nascere, a costruirsi nell’osservare i nostri genitori in determinate situazioni che hanno messo la mente in una situazione di disagio, di sofferenza, di mancanza, il cosiddetto trauma emotivo e psicologico. La mente ha creato un suo filtro attraverso il quale ha iniziato a vedere la propria vita, creando idee distorte su se stessi, sul mondo esterno, sul proprio maschile e sul proprio femminile. Un altro aspetto che viene affrontato e sottolineato all’interno della pellicola è il rapporto di coppia, la relazione in generale, ma anche quella con il proprio compagno/a e con i propri genitori. Si affronta un meccanismo che possiamo chiamare “rappo

La chiave è dentro te stesso

  Tutte le volte che ripeti a te stesso “ho paura, non ce la faccio”. Tutte le volte che guardi allo specchio e tenti di cambiare te stesso rompendo l’immagine che hai di fronte. Tutte le volte che, anziché fare un passo, lo fantastichi nella tua mente. Tutte le volte che ti ritrovi a fare la vittima, accusando il mondo esterno. Bene. Tutti questi momenti non parte della realtà, ma di un’illusione in cui stai solo recitando un ruolo, condizionato da un’unica paura, quella della responsabilità. Responsabilità dei tuoi pensieri, delle tue parole, delle tue azioni, della tua vita. La responsabilità di ciò che sei davvero. Qualcuno ha detto “Da un grande potere derivano grandi responsabilità”. Ma io adesso ti dico che non si tratta di un grande potere o un grande responsabilità. Una volta che hai compreso l’opportunità che il cambiamento può offrirti, hai l’occasione di abbandonare una volta per tutte l’illusione per poterti immergere nella verità. La tua responsabilità sta nel mostrare co

DENTRO TE STESSO VI E' LA CHIAVE

La mente vede la propria vita attraverso lo schema fumoso dei ricordi   Se ti stai concentrando sulla vita degli altri allora chiediti cosa non va nella tua. Non sono gli altri a creare il tuo malessere. Sei tu stesso che li attiri a te affinché tu possa guardarti dentro e accorgerti che esso era già presente al tuo interno.  Il presente c'è. Sei tu che non ci sei perché vivi nel controllo. Sei immerso nella mente, tra tesi, ipotesi, idee e convinzioni. Molla quel controllo e lascia fare alla vita, a quella forza che è già dentro di te, ma che ti rifiuti di ascoltare solo perché non rientra nelle grazie del tuo ego.  Puoi trovare mille motivi per giustificare i tuoi "come faccio" o i tuoi infiniti "non riesco" , ma sono tutte scuse, strategie per rimanere nell'atteggiamento dell'adolescente che non vuole fare un passaggio: Il diventare adulto.  Questo implica prendersi la responsabilità della propria vita, dei propri pensieri, delle proprie azioni. A vol