Passa ai contenuti principali

Le 7 fasi della guarigione

In tanti in questi mesi mi avete contattato per i motivi più disparati. Di coppia, di lavoro, famiglia, situazioni che si ripetono, lutti, paure,  ansie, fobie e chi più ne ha più ne metta.
Riassumo in 7 punti chiave quello che propongo nell'analisi delle varie situazioni ma sappiate che nel particolare il lavoro è spesso molto più duro.


Le 7 fasi della guarigione

Fase 1
Accetta che c'è un disagio di fondo che si ripercuote su tutta la tua vita partendo da dentro e manifestandosi fuori affinché tu lo veda e affronti.

Fase 2
Prenditi la responsabilità della tua guarigione come qualcosa che può dipendere solo da te stesso smettendo di accusare il mondo esterno.

Fase 3
Accetta che la maggior parte delle tue credenze possa crollare di botto affinché tu possa prender consapevolezza delle cause del tuo disagio.

Fase 4
Armati di coraggio, pazienza e volontà per far fronte all'eventuale paura che potrai avere dinanzi a tutti i demoni nascosti che emergeranno nel processo di pulizia e guarigione interiore.

Fase 5
Accetta che la tua mente è stata la causa principale di tutto questo dolore e prender coscienza di forze energetiche che vanno al di là della comprensione umana e che hanno pilotato la mente stessa nel deviarti dalla comprensione. Allo stesso tempo apriti in maniera smisurata alla fiducia in te stesso e alla fede in quella forza invisibile che pian piano sentirai sempre più tangibile ma della quale potresti ancora diffidare per via della  tua sete di certezze emotive e materiali.

Fase 6
È il momento più critico dove tu stesso deciderai se continuare nel viaggio verso te stesso per affrontare tutto quello che verrà a galla, o scappare rinunciando alla possibilità di vedere con occhi di verità la tua vita preferendo quindi le illusioni che sino a quel momento hanno cucito magistralmente la tua zona di comfort.

Fase 7
Continua spedito senza arrenderti al fine di riconnetterti con le tue parti animiche e spirituali che ti guideranno verso la tua missione di vita.

Claudio Guarini

Questo a grandi linee è quello che propongo a chi mi chiede privatamente come affrontare i cosiddetti "problemi" della loro vita e non è solo frutto di studi ma anche e soprattutto la mia esperienza riguardo al mio percorso fino ad ora.
Di solito nel privato accompagno il processo anche con tecniche guidate di meditazione/visualizzazione in stato di rilassamento profondo. Ma il lavoro va fatto con una vera intenzione di voler guarire assumendosi la propria responsabilità della propria vita.


La cura e già dentro.
È il paziente che fa la terapia.
Il vero guaritore non fa altro che rimetterti in contatto con le tue parti animiche e spirituali ricordandoti di non perderti nelle interferenze esterne.


Commenti

Post popolari in questo blog

"Lì dove è stata perduta" il nuovo film di Claudio Guarini sulle personalità

Questo film nasce con il principale intento e obiettivo di trasmettere un messaggio, cioè quello di far comprendere a chi lo guarderà che la nostra vita, il nostro quotidiano è condizionato da una o più personalità. Esse sono state quasi sempre messe in moto sin dalla nostra infanzia, da quando eravamo bambini, periodo in cui hanno cominciato a nascere, a costruirsi nell’osservare i nostri genitori in determinate situazioni che hanno messo la mente in una situazione di disagio, di sofferenza, di mancanza, il cosiddetto trauma emotivo e psicologico. La mente ha creato un suo filtro attraverso il quale ha iniziato a vedere la propria vita, creando idee distorte su se stessi, sul mondo esterno, sul proprio maschile e sul proprio femminile. Un altro aspetto che viene affrontato e sottolineato all’interno della pellicola è il rapporto di coppia, la relazione in generale, ma anche quella con il proprio compagno/a e con i propri genitori. Si affronta un meccanismo che possiamo chiamare “rappo

La chiave è dentro te stesso

  Tutte le volte che ripeti a te stesso “ho paura, non ce la faccio”. Tutte le volte che guardi allo specchio e tenti di cambiare te stesso rompendo l’immagine che hai di fronte. Tutte le volte che, anziché fare un passo, lo fantastichi nella tua mente. Tutte le volte che ti ritrovi a fare la vittima, accusando il mondo esterno. Bene. Tutti questi momenti non parte della realtà, ma di un’illusione in cui stai solo recitando un ruolo, condizionato da un’unica paura, quella della responsabilità. Responsabilità dei tuoi pensieri, delle tue parole, delle tue azioni, della tua vita. La responsabilità di ciò che sei davvero. Qualcuno ha detto “Da un grande potere derivano grandi responsabilità”. Ma io adesso ti dico che non si tratta di un grande potere o un grande responsabilità. Una volta che hai compreso l’opportunità che il cambiamento può offrirti, hai l’occasione di abbandonare una volta per tutte l’illusione per poterti immergere nella verità. La tua responsabilità sta nel mostrare co

DENTRO TE STESSO VI E' LA CHIAVE

La mente vede la propria vita attraverso lo schema fumoso dei ricordi   Se ti stai concentrando sulla vita degli altri allora chiediti cosa non va nella tua. Non sono gli altri a creare il tuo malessere. Sei tu stesso che li attiri a te affinché tu possa guardarti dentro e accorgerti che esso era già presente al tuo interno.  Il presente c'è. Sei tu che non ci sei perché vivi nel controllo. Sei immerso nella mente, tra tesi, ipotesi, idee e convinzioni. Molla quel controllo e lascia fare alla vita, a quella forza che è già dentro di te, ma che ti rifiuti di ascoltare solo perché non rientra nelle grazie del tuo ego.  Puoi trovare mille motivi per giustificare i tuoi "come faccio" o i tuoi infiniti "non riesco" , ma sono tutte scuse, strategie per rimanere nell'atteggiamento dell'adolescente che non vuole fare un passaggio: Il diventare adulto.  Questo implica prendersi la responsabilità della propria vita, dei propri pensieri, delle proprie azioni. A vol