Passa ai contenuti principali

La Guida Interiore esiste davvero





C’era un tempo in cui parlavamo con gli altri, ma molte delle risposte che nel dialogo ci venivano date, non confacevano al nostro cosiddetto modo di pensare. Allora abbiamo cominciato a parlare con noi stessi credendo che solo noi potevamo darci indicazioni e risposte sulla nostra vita. Ci siamo blindati credendo che nessuno avrebbe potuto comprendere il nostro mondo interiore. Giorno dopo giorno abbiamo cominciato a parlare dentro la nostra testa fino al punto di non rendercene più conto. Un dialogo incessante che ci rubava tempo ed energia al momento presente, portandoci in luoghi circoscritti lontani dalla reale visione delle cose. “Se nessuno può darmi le risposte che cerco, nessuno mi capisce, solo io posso”. Ecco che, così facendo, abbiamo alzato un muro gigantesco, non tanto sugli altri, ma sull’ascolto. Abbiamo sempre più rivolto le nostre attenzioni alla nostra mente diventandone schiavi inconsapevoli, creando un territorio pieno di condizionamenti e limiti illusori, ai quali abbiamo messo il veto a tutto e tutti di poterli oltrepassare. I muri delle convinzioni basate solo sulla paura di scoprire la verità. Quale verità? Che esiste una guida capace davvero di darci le indicazioni necessarie per indirizzarci su una strada che è solo nostra, che appartiene al cammino della nostra anima. Quando ho cominciato a scrivere i primi libri, cercavo di scavare dentro di me cercando delle risposte ma non mi rendevo conto che, anche se cercavo quella guida, mi collegavo con una parte della mente che cercava di idealizzare le risposte che voleva. In passato ho creato degli artifizi letterari per poter esprimere ciò che stavo vivendo. La traduzione mentale interveniva. Alcune volte me ne rendevo conto, altre no. Adesso, dopo tante notti in tutti questi anni, trascorsi a chiedere aiuto ad una forza al di là della mente, ho compreso che era proprio la mente a interferire tra quella frequenza e il suo opposto. Spesso si parla di canalizzazioni, entità, messaggi da esseri multidimensionali, extraterrestri e chi più ne ha più ne metta. La sete di risolvere i propri problemi il prima possibile porta una mente ad affidarsi a qualsiasi cosa le dia una soluzione veloce, una via facile senza grandi ostacoli. Ma la mente non vuole davvero cambiare la propria vita, vuole solo migliorarla, togliendo ciò che le da dolore, e volendo ancora più cose che le diano piacere. Ma tutto questo accadde solo in un territorio che già conosce. La via della guarigione non è stare seduti a bere tarallucci e vino (scusate se utilizzo ancora questa espressione). E’ qualcosa che richiede davvero una ferrea volontà e quando chiedete all’universo, a quella forza invisibile di guidarvi sappiate che essa c’è perché c’è sempre stata. L’unico “problema” è che la mente si aspetta risposte già idealizzate in partenza, che le possono far comodo per continuare a non cambiare realmente la propria vita, ma a rimanere nella zona di comfort il più a lungo possibile. Cambiare fa male, significa estirpare le radici su cui abbiamo costruito tutte le illusioni. Illusioni su di sé, sugli altri, sull’amore, su Dio, sul proprio talento, sulla missione di vita. Ci vengono date opportunità per sperimentare il coraggio, il talento, l'amore. E queste situazioni spesso la mente le vede come grandi ostacoli. Allora questo fa sì che la mente entri in protezione perché essa vuole andare solo verso cui ritiene che possa darle una certa sicurezza. Ecco che intervengono altre energie che riescono a sintonizzarsi con una parte del cervello attaccata ad uno strato della mente che vuole esattamente questo. Queste energie assumono diverse forme e si spacciano per la verità, ma della verità hanno solo paura. Vogliono che tu rimanga lì a prenderti in giro e allora ti danno risposte che fanno piacere alla tua mente. La voce della Guida è una sola, puoi chiamarla Spirito, e non usa stratagemmi troppo appariscenti per comunicare con te. Non occorrono alieni, esseri di luce, defunti o entità di qualche tipo. Non è certamente facile capire inizialmente con chi si ha a che fare, ma il primo passo è comprendere come sei stato ingannato e da chi sul piano sottile attraverso la tua mente, per poi poter riconoscere finalmente la vera forza Spirituale che può guidarti. Perché può? Perché solo tu puoi decidere di lasciare che le sue indicazioni distruggano tutto il vecchio che ti tiene incastrato e non ti permette di andare avanti verso ciò che sei veramente.
Il dialogo che leggerete qui sotto è un estratto del nuovo libro che sto scrivendo. E sia chiaro che questa volta non è un dialogo con risposte improvvisate. Se volete chiamarla canalizzazione, va bene, anche se non amo le definizioni troppo etichettate. Tutti possono avere questo dialogo, ma occorre riconoscere la frequenza attraverso la quale sintonizzarsi. Purtroppo l’inganno è sempre dietro l’angolo, ma per riconoscere il vero è necessario distinguerlo da ciò che non lo è.

IO: C’è una persona a cui sono molto legato a cui vorrei far capire proprio questo.

Sé: E’ a te che devi farlo comprendere. Ti ho già detto che poi avrai un’altra impronta energetica che sarà d’esempio anche per gli altri. Anche lui si trova nel dover fare una scelta. E’ un bivio davanti al quale prima o poi tutti si trovano. Lui cerca le risposte con la paura. Essa appartiene alla mente e la mente cerca sicurezze. Deve riuscire a mollare la presa sul bisogno di sicurezza quando la sua mente si proietta sul futuro, altrimenti non riuscirà a cogliere i segnali che lo portano nella direzione reale. È proprio dove si sentirà più incerto e insicuro che dovrà compiere un atto di fede. Molte indicazioni e segnali, quelle che lui chiama coincidenze, vengono fraintese e interpretate dalla sua mente secondo un vecchio schema, perdendo di vista il vero. Non può agire tenendo un piede nel vero e uno nel falso, uno nel nuovo e uno nel vecchio. Sappia mantenere il focus su di me senza preoccuparsi dei passi intermedi. Quelli saranno più evidenti solo dopo ciascuna azione che non sia mossa dalla paura.
Anche tu, come lui, dedica una parte del tempo ogni giorno, a chiedere di mostrarti la via senza idealizzare le risposte e le indicazioni. Sposta il tuo focus su di me. Rafforza la tua fede affinché, nei momenti in cui crederai di fidarti della paura, saprai che la tua mente sarà solo pronta ad agire seguendo quello che io le indicherò, e non a reagire seguendo gli impulsi a cui era abituata.

(Tratto dal nuovo libro © Claudio Guarini )

Commenti

Posta un commento

I commenti a scopo offensivo, di ingiuria e senza un legame con tale argomento verranno rimossi.

Post popolari in questo blog

"Lì dove è stata perduta" il nuovo film di Claudio Guarini sulle personalità

Questo film nasce con il principale intento e obiettivo di trasmettere un messaggio, cioè quello di far comprendere a chi lo guarderà che la nostra vita, il nostro quotidiano è condizionato da una o più personalità. Esse sono state quasi sempre messe in moto sin dalla nostra infanzia, da quando eravamo bambini, periodo in cui hanno cominciato a nascere, a costruirsi nell’osservare i nostri genitori in determinate situazioni che hanno messo la mente in una situazione di disagio, di sofferenza, di mancanza, il cosiddetto trauma emotivo e psicologico. La mente ha creato un suo filtro attraverso il quale ha iniziato a vedere la propria vita, creando idee distorte su se stessi, sul mondo esterno, sul proprio maschile e sul proprio femminile. Un altro aspetto che viene affrontato e sottolineato all’interno della pellicola è il rapporto di coppia, la relazione in generale, ma anche quella con il proprio compagno/a e con i propri genitori. Si affronta un meccanismo che possiamo chiamare “rappo

La chiave è dentro te stesso

  Tutte le volte che ripeti a te stesso “ho paura, non ce la faccio”. Tutte le volte che guardi allo specchio e tenti di cambiare te stesso rompendo l’immagine che hai di fronte. Tutte le volte che, anziché fare un passo, lo fantastichi nella tua mente. Tutte le volte che ti ritrovi a fare la vittima, accusando il mondo esterno. Bene. Tutti questi momenti non parte della realtà, ma di un’illusione in cui stai solo recitando un ruolo, condizionato da un’unica paura, quella della responsabilità. Responsabilità dei tuoi pensieri, delle tue parole, delle tue azioni, della tua vita. La responsabilità di ciò che sei davvero. Qualcuno ha detto “Da un grande potere derivano grandi responsabilità”. Ma io adesso ti dico che non si tratta di un grande potere o un grande responsabilità. Una volta che hai compreso l’opportunità che il cambiamento può offrirti, hai l’occasione di abbandonare una volta per tutte l’illusione per poterti immergere nella verità. La tua responsabilità sta nel mostrare co

DENTRO TE STESSO VI E' LA CHIAVE

La mente vede la propria vita attraverso lo schema fumoso dei ricordi   Se ti stai concentrando sulla vita degli altri allora chiediti cosa non va nella tua. Non sono gli altri a creare il tuo malessere. Sei tu stesso che li attiri a te affinché tu possa guardarti dentro e accorgerti che esso era già presente al tuo interno.  Il presente c'è. Sei tu che non ci sei perché vivi nel controllo. Sei immerso nella mente, tra tesi, ipotesi, idee e convinzioni. Molla quel controllo e lascia fare alla vita, a quella forza che è già dentro di te, ma che ti rifiuti di ascoltare solo perché non rientra nelle grazie del tuo ego.  Puoi trovare mille motivi per giustificare i tuoi "come faccio" o i tuoi infiniti "non riesco" , ma sono tutte scuse, strategie per rimanere nell'atteggiamento dell'adolescente che non vuole fare un passaggio: Il diventare adulto.  Questo implica prendersi la responsabilità della propria vita, dei propri pensieri, delle proprie azioni. A vol